Wrap up di Giugno

Buon mercoledì amici!

Oggi voglio fare un recap delle mie letture di Giugno con voi 🙂

Intanto vi ricordo che…

I voti sono così suddivisi.

1.  Solitamente un romanzo scritto male o che presenta una lettura poco piacevole.

2. Solitamente scritto abbastanza bene, con una lettura poco scorrevole o con errori evidenti nella trama che disturbano il quadro generale.

3. Una bella lettura, piacevole, fondamentalmente con pochi errori evidenti sia nella trama che nella scrittura.

4. Un libro con una buona trama e scrittura. Bello da leggere.

5. Imperdibile. Il voto più alto equivale ad una lettura che non ci si può far sfuggire.

Voglio far presente che i voti alle letture sono estremamente personali, è il motivo per cui ho deciso di non inserirli nelle recensioni. In esse, infatti, preferisco ci siano opinoni più oggettive  in modo tale da non influenzare molto un lettore, perchè secondo me è giusto approcciarsi alla lettura  di un libro in modo più neutro possibile.


 

61z8E-2nWyL

La moglie del Califfo di Renée Ahdieh , voto 5!!! Uno dei libri più belli mai letti!!!

 

51-kZZrQEZL

Shadow magic di Joshua Khan, voto 5!! Il primo volume di una saga stupenda!

51u+qJ40tFL

Dream Magic di Joshua Khan, voto 3! Secondo volume della saga Shadow Magic, un po’ meno coinvolgente per quanto mi riguarda, ma comunque davvero un bel libro!

COVER-EdwardManiDiForbice-RGB-low-res

Edward Mani di Forbice- Qualche anno dopo, voto 4! Un fumetto che ho adorato tantissimo per aver riportato in vita uno dei miei personaggi preferiti con favolose illustrazioni! 😀

92827822-352-k295377

Absence di Chiara Panzuti, voto 5! Questo libro mi è piaciuto un sacco! Non vedo l’ora di leggerne il seguito! 😉

La-musica-provata

La musica provata di Erri de Luca. Un libro davvero particolare questo di Erri, non può avere un voto vero è proprio, il motivo lo spiegherò nella recensione che sarà presto online! 😉

411SNb5PzfL

Shadowhunters – città di ossa, voto 3! Presto avrete la recensione 😉

recessive

Recessive di Irene Grazini, voto 4! Secondo volume della saga Dominant, presto troverete la recensione sul blog! 😉


Queste sono le mie letture di Giugno! Voi cosa avete letto in questo mese? Quale lettura vi ha colpito maggiormente? 🙂

Siete daccordo con i voti che ho deciso di dare alle mie letture? Fatemi sapere 😉

 

Bookhaul di Giugno

Eccomi qui! Sono ritornata con un articolo easy e d’obbligo : gli acquisti di Giugno!

Ovviamente stiamo parlando di acquisti libreschi, quasi tutti gentilmente inviatemi dalle case editrici, ma iniziò con ciò che ho comprato io!

411SNb5PzfL

Ho deciso finalmente di dare una possibilità ad una delle saghe più famose, Shadowhunters ed ho così acquistato Shadowhunters – Città di ossa (Oscar bestsellers Vol. 2054).

L’ho già letto e a breve avrete la recensione 😉

La-musica-provata

Altro acquisto super voluto è La musica provata di Erri De Luca! Erri è il mio scrittore preferito per cui acquisto ogni suo libro! ❤

COVER-EdwardManiDiForbice-RGB-low-res

Nicola Pesce Editore, mi ha gentilmente inviato una copia del fumetto Edward mani di forbice- Qualche anno dopo . Cliccando sul titolo troverete la mia recensione! 😉

51+GDQeWUzL.jpg

La corte editore, mi ha gentilmente inviato L’accademia di Anjur: Il numero trentuno 🙂

 

51-kZZrQEZL

Infine, DeA Editore mi ha dato la possibilità di leggere i due volumi della saga Shadow Magic ( Recensione)

51u+qJ40tFL

Dream Magic ( Recensione) ! 😀


Quali sono stati i vostri acquisti di questo mese? 😉

 

Il nonno che eri, Il padre che sei stato

Oggi avrei dovuto scrivere una recensione, invece mi ritrovo a buttare giù parole confuse. Le sto vomitando spasmicamente, come se avessi preso l’influenza, come se il caffe di stamattina mi avesse fregato rivelandosi velenoso.

Non ho mai amato festeggiare il mio compleanno, l’ho sempre considerato un giorno come tutti gli altri, ho comunque sempre accolto gli abbracci degli amici con enorme affetto.

Domani sarà il mio ventitresimo compleanno, e ci saranno quei tanto amati abbracci, ma non ci sarà nulla da festeggiare.

Oggi mio nonno ci ha lasciati.

In realtà, è il nonno del mio ragazzo. Sono nata e cresciuta nella loro casa, e non avendo nonni nè materni e tanto meno paterni, Lui è diventato Mio Nonno.

Mi ha cresciuta come fossi sua nipote, senza differenza alcuna. Mi ha voluta intorno fin da quando sono nata e guai se saltavo una sola sera per andarlo a trovare.

Lui è stato il nonno che non ho mai avuto e la famiglia che mi è sempre mancata.

Si è battuto per me andando contro i miei genitori. Ha rimproverato mio padre per la scarsa capacità di essere un padre, ogni giorno, senza stancarsi mai.

Ha raccolto le mie lacrime, che fin da piccola ho versato per la famiglia assente che ho avuto. Le ha raccolte e le ha trasformate in lezioni di vita e consigli. La sua frase ricorrente era “Non ti preoccupare, finchè vivo, potrai venire sempre da me, anzi devi, perchè a me importa del tuo bene.”

Lui è stato quello che non ha mai creduto alle parole della gente. Non mi ha mai giudicata, nemmeno quando effettivamente sbagliavo. Attendeva di chiedermi spiegazioni, mi ascoltava e mi credeva. La sua frase era ” Non dar retta alla gente, l’importante è che tu capisca l’errore e se ti serve qualocosa, c’è qui il nonno.”

Restare a pranzo era un continuo ” Stai mangiando?“, ” Assaggia questo, e anche questo”. Restare a cena era passarmi il suo salame o formaggio preferito sotto al tavolo, perchè nessuno poteva toccarlo, tranne io.

I pomeriggi li passavamo sul divano, lui a poltrire e io a guardare la tv.

Mi ha vista innamorare. Ha visto crescere l’interesse fra me e suo nipote. Ricordo la sua risata e il suo ” Oh, poveretti” a mo’di scherno, quando noi litigavamo e facevamo finta di niente. Poi tornavamo insieme, poi nuovamente litigavamo.

Ricordo il suo “ Lascialo stare. So quanto tieni a lui, ma se ti fa stare male, lascialo stare, lo dico perchè non voglio vederti soffrire.

Poi ancora “Ma non lo vedi quanto è stupido? Lui ti vuole bene, ma non lo ha ancora capito. Vai a prenderlo. Senti i consigli del nonno. Vattelo a prendere

Abbiamo iniziato poi a vederci sempre meno. I miei rapporti con gli altri componenti della famiglia si sono inaspriti e l’unica cosa che mi faceva continuare a varcare la soglia di quella casa, era proprio Lui.

E’ iniziata l’università e il tempo libero si è ridotto ad uno o due giorni al mese, ma ormai non mi riconosceva più.  Un anno fa, l’ultima volta che sono andata a trovarlo, non sapeva chi io fossi. Ha poi avuto cinque minuti di lucidità, in cui mi ha vista e si è messo a piangere dicendo ” Quanto sei cresciuta! Ti sei dimenticata di me, ma non importa, non sono arrabbiato. State bene voi due? L’unico mio rammarico è non potervi vedere sposare, ma l’importante è  che state bene , è l’unica cosa che voglio.C’è stato un bacio e una stretta forte.

Questa è l’ultima cosa che ho di lui, l’ultimo ricordo ed è il motivo per cui ora non sono con lui e la sua famiglia in quella casa. Forse sono un’egoista. Forse sto commettendo un errore, ma l’ultima cosa che voglio avere della mia testa è proprio quel ricordo, lui che mi stringe e mi ricorda quanto ha tenuto a me. Voglio ricordare tutte le volte che si è vantato di me, dei miei traguardi. Tutte le volte che ha detto alla gente ”  E’ mia nipote“, e negli ultimi anni ero diventata Sua figlia. Così diceva alla gente.

Oggi sono un’egoista perchè non sono lì insieme a tutti gli altri, insieme alla nonna. Sono un’egoista perchè il mio dolore dovrei metterlo da parte, ma proprio non ci riesco.

Ad andare via oggi,  non è stato solo un nonno, non solo un padre, ma la mia famiglia. Ho perso così chi mi stringeva la mano quando ero triste.

 

Non so come si affronta un lutto, non ne ho mai affrontati di così importanti.

Non so se le decisioni che sto prendendo siano giuste o corrette per chi sta dall’altra parte. Mi ha appena investito un treno che sapevo che stesse per arrivare, l’ho visto, ma quando mi ha colpita mi ha comunque travolta e fatta in mille pezzettini. Spostarsi sarebbe stato impossibile.

 

Potrei dire tanto altro, ma ho avuto accanto un ‘estraneo che ha scelto di amarmi, ha scelto di essere orgoglioso di me e di potreggermi come un padre farebbe con un proprio figlio. A lui devo l’amore che ha saputo regalarmi e tutte le volte che mi sono sentita a casa. E’ così che spero di diventare un giorno, una donna qualsiasi che ama senza riserve e senza chiedere nulla in cambio.

 

 

 

Edward Mani di Forbice- Qualche anno dopo

Dal genio di Tim Burton torna l’immortale personaggio dalle mani di forbice in un’avventura inedita, seguito di quanto accaduto nella pellicola del grande regista.

Edward_Mani_di_Forbice-IMG01

Edito Nicola Pesce Editore, Edward Mani di forbice- Qualche anno dopo, è una Graphic Novel inedita in Italia, scritta da Kate Leth, con disegni di Drew Rausch e copertina di Gabriel Rodriguez. La traduzione di Gloria Grieco.


Edward_Mani_di_Forbice-IMG02

Questo fumetto non è un pedissequo adattamento del film, che di per sé avrebbe avuto poco senso data la perfezione della pellicola. Si tratta invece di una storia nuova, poetica come l’originale, gotica e toccante.
Sono passati tanti anni, ed Edward non è invecchiato di un giorno. Il suo è sempre lo stesso sguardo triste e pensieroso. Scopre che il suo inventore aveva anche un altro progetto nello scantinato e gli dà vita seguendo le istruzioni che trova sopra un diario. Ma la nuova creatura è di temperamento malvagio, e fugge.
Comincia a spaventare gli abitanti della città che si rivolteranno una seconda volta contro Edward, credendo che sia lui la causa di tutto.

La storia si apre con Mess, in tutto e per tutto identica alla sua nonna, Kim, che bussa al cancello di Edward e lo incontra. Lui la scambia per la donna che aveva amato un tempo, ma l’equivoco è presto chiarito. Insieme lotteranno contro la nuova creatura, e Mess riscoprirà quanto di vero ci fosse nelle fiabe che la nonna le raccontava quand’era piccola.

Edward_Mani_di_Forbice-IMG03


Ho amato questo fumetto, la nuova storia mi ha riportato indietro negli anni con la figura di un giovane Johnny Depp che diede vita al personaggio inventato da Tim Burton e grazie a questa mini avventura Edward è finalmente ritornato  dopo 25 anni!!
Le illustrazioni presenti in tutto il fumetto le ho adorate, potete trovare l’anteprima sul sito NPE EDIZIONI
Edward_Mani_di_Forbice-IMG04
Il fumetto puà essere acquistato direttamente sul sito NPE EDIZIONI,  potete o oppure su Amazon

Edward mani di forbice. Qualche anno dopo

A voi cosa ve ne pare? Vi ricordate di questo personaggio? 😀

Chiacchierando con i blogger!

Oggi, sul blog di Sara, ho avuto il piacere di partecipare ad una sua rubrica , che consiste in delle mini interviste ai blogger per conoscersi meglio! 😊

Oggi ci sono io! Vi invito ad andare a fare un giro sul blog di Sara e perché no?!Magari partecipare anche voi alla sua rubrica! 🤗

 

Buongiorno ragazze/i.. Oggi come lo scorso mercoledì ed i futuri, sono qui per “ chiacchierare con le/i Blogger ” ponendo ogni volta 10 domande diverse ( a mia fantasia ) a blogger con la mia stessa passione e non. Un nuovo e simpatico modo per conoscere nuove persone ed i loro hobby. Oggi come secondo appuntamento sono andata a chiacchierare con Serena ( […]

via Chiacchierando con le/i Blogger | #4 Serena 📚 — Il Blog di Sarii

Nuove uscite in libreria! DeA e Fazi Editore

Attendo sempre con ansia le nuove uscite libresche, quindi eccomi qui a mostrarvi cosa La DeA e la Fazi Editore hanno preparato per noi! 😀


DEA

51u+qJ40tFL

“Lily Shadow è diventata regina, ma i nemici di Castel Cupo sono sempre in agguato. Nell’aria c’è uno strano fenomeno. I morti si stanno risvegliando dalle tombe, i villaggi subiscono razzie e un esercito di troll si avvicina da nord. Il popolo comincia a dubitare della sua stessa regina. Lily però non è sola.

Il coraggio di Thorn è il suo braccio destro ed entrambi sanno che l’unica possibilità di tenere unito il regno è controllare le Ombre. Lily infatti non ha ereditato solo il castello degli Shadow ma anche la magia nera.

Così, mentre la giovane regina si esercita nell’arte proibita e tiene bada una lunga fila di pretendenti, le armate stingono i confini e inquietanti ragni si muovono nell’oscurità… Sarà sufficiente la determinazione di una ragazza a salvare Castel Cupo?

Dream Magic è il secondo capitolo di una saga epica iniziata con Shadow Magic. Un’avventura fantastica dove non mancano azione, magia e verità nascoste che aspettano solo di essere svelate…” Dream Magic di Joshua Khan  <—– La mia recensione *_*

Le_imperfezioni_del_cuore.jpg

Data di uscita: 20 giugno

“Brad Johnson è sexy, ricco e spregiudicato. Per conquistare ogni ragazza che desidera, gli basta sfoderare uno dei suoi sorrisi speciali e folgorarla con i suoi occhi color zaffiro. E con la stessa facilità con cui seduce le sue prede, Brad le abbandona. Senza sensi di colpa, perché il suo cuore è impermeabile a qualsiasi emozione.

O così sembra, fino al giorno in cui incontra Mabry. Mabry è bella, intelligente, sfacciata. Tra lei e Brad la passione è immediata e travolgente. Eppure, nello sguardo di Mabry c’è qualcosa che lui non riesce a decifrare, qualcosa di profondamente triste e nello stesso tempo intrigante… Qualcosa che fa breccia dentro di lui e, per la prima volta nella vita, lo fa innamorare perdutamente.

Ma proprio quando Brad è disposto ad ammettere ciò che prova, Mabry inizia ad allontanarsi. Perché ci sono segreti troppo dolorosi da confessare, e ricordi così potenti da perseguitarci per sempre… L’amore sarà abbastanza forte da guarire questi due cuori imperfetti e portarli alla felicità?

Lo straordinario, attesissimo seguito di Perfect. Passione, tormento e un cattivo ragazzo pronto a redimersi in una storia d’amore semplicemente perfetta. Sono questi gli ingredienti che rendono Perfect 2. Le imperfezioni del cuore una lettura imperdibile.”
92827822-352-k295377

“Viviamo anche attraverso i ricordi degli altri.
Lo sa bene Faith, che a sedici anni deve affrontare l’ennesimo trasloco insieme alla madre, in dolce attesa della sorellina. Ecco un ricordo che la ragazza custodirà per sempre. Ma cosa accadrebbe se, da un giorno all’altro, quel ricordo non esistesse più? E cosa accadrebbe se fosse Faith a sparire dai ricordi della madre?
La sua vita si trasforma in un incubo quando, all’improvviso, si rende conto di essere diventata invisibile. Nessuno riesce più a vederla, né si ricorda di lei. Non c’è spiegazione a quello che le è accaduto, solo totale smarrimento.
Eppure Faith non è invisibile a tutti. Un uomo vestito di nero detta le regole di un gioco insidioso e apparentemente folle, dove l’unico indizio che conta è nascosto all’interno di un biglietto: 0°13′07″S 78°30′35″W, le coordinate per tornare a vedere.
Insieme a Jared, Scott e Christabel – come lei scomparsi dal mondo – la ragazza verrà coinvolta in un viaggio alla ricerca della propria identità, dove altri partecipanti faranno le loro mosse per sbarrarle la strada. Una corsa contro il tempo che da Londra passerà per San Francisco de Quito, in Ecuador, per poi toccare la punta più estrema del Cile, e ancora oltre, verso i confini del mondo.
Primo volume della trilogia di Absence, Il gioco dei quattro porta alla luce la battaglia interiore più difficile dei nostri giorni: definire chi siamo in una società troppo distratta per accorgersi degli individui che la compongono.
Cosa resterebbe della nostra esistenza, se il mondo non fosse più in grado di vederci?
Quanto saremmo disposti a lottare, per affermare la nostra identità?
Un libro intenso e profondo; una sfida moderna per ridefinire noi stessi.
Una storia per essere visti. E per tornare a vedere.” Absence di Chiara Panzuti <—- QUI LA MIA RECENSIONE ❤

giardini_182x278_w182_h278

In libreria dal 29 giugno
Giardini
Robert Pogue Harrison

Riproponiamo nella collana “Campo dei Fiori” il celebre e ammiratissimo capolavoro di Robert Pogue Harrison, dove la storia dei Giardini viene legata all’educazione, alla politica e alla spiritualità. Harrison evidenzia come il modo di immaginare o costruire un giardino rifletta e veicoli delle mutevoli visioni del mondo.

eisenberg_182x278_w182_h278

In libreria dal 29 giugno
Eisenberg
Andreas Föhr

In vetta alle classifiche tedesche per molte settimane, il nuovo avvincente giallo dell’autore best seller Andreas Föhr catapulta il lettore in una storia appassionante e piena di colpi di scena. Un thriller giuridico avvincente fino all’ultima pagina e con un finale inaspettato.

matti_182x278_w182_h278

In libreria dal 29 giugno
Eisenberg
Andreas Föhr

In vetta alle classifiche tedesche per molte settimane, il nuovo avvincente giallo dell’autore best seller Andreas Föhr catapulta il lettore in una storia appassionante e piena di colpi di scena. Un thriller giuridico avvincente fino all’ultima pagina e con un finale inaspettato.

dente_per_dente_182x278_w182_h278

In libreria dal 22 giugno
Dente per dente
Francesco Muzzopappa

Con un’ironia corrosiva e una storia scandita da scene esilaranti, l’autore di Una posizione scomoda torna in libreria con una commedia brillante sull’arte della vendetta, protagonista un tenero quanto agguerrito ragazzo innamorato.
I libri dell’autore sono stati tradotti in Francia riscuotendo un grande successo e il film tratto dal suo romanzo d’esordio uscirà nel 2018.

occhi_azzurri_182x278_w182_h278

In libreria dal 13 luglio
Due occhi azzurri
Thomas Hardy

Torna finalmente in  libreria uno dei capolavori più acclamati di Hardy: un grande romanzo sulla gelosia e sui dubbi del cuore scritto da uno dei  massimi esponenti del romanzo vittoriano. Terzo romanzo di Hardy, fu il primo che lo scrittore pubblicò con il suo nome.

nemico_182x278_w182_h278

In libreria dal 22 giugno
Il mio nemico mortale
Willa Cather

Una nuova traduzione di un meraviglioso libro da riscoprire. Willa Cather, talentuosa autrice dimenticata, vincitrice del Premio Pulitzer, traccia un cupo ritratto di un matrimonio, ribaltando tutte le nostre convinzioni sulla natura della felicità domestica.

3d_poesie_w182_h272

In libreria dal 6 luglio

Le poesie più belle

Valentino Zeichen

A un anno dalla morte, proponiamo una scelta delle più belle poesie di Valentino Zeichen, personaggio sui generis oltre che grande protagonista della scena letteraria nostrana. Definito via via “un Marziale contemporaneo” (Moravia), “un libertino minimale settecentesco” (Ferroni), “un Gozzano dopo la Scuola di Francoforte” (Pagliarani), la sua vita e le sue opere  sono già diventate leggenda. Con questo omaggio vogliamo ricordare una figura fondamentale del panorama letterario contemporaneo ma anche un uomo che, con la sua coerenza intellettuale e il suo rigore, ha lasciato un segno indelebile nel mondo culturale italiano.

nuvole_di_fango_182x278_w182_h278

In libreria dal 6 luglio
Nuvole di fango
Inge Schilperoord

L’acclamato romanzo d’esordio di una giovane psicologa che ha sconvolto l’Olanda: un viaggio ipnotico dentro una mente malata, un libro crudo e pieno di suspense scritto in modo magistrale.
L’autrice sarà ospite l’11 luglio al Festival Internazionale di Roma “Letterature” e il 12 luglio presenterà il libro all’Istituto di Cultura Olandese di Roma.


A voi cosa intriga? Sicuramente la Fazi editore a me fa girare sempre la testa con i suoi raffinatissimi libri e le sue stupende coperine! ❤

 

 

 

Storie di fantasmi, licantropi e vampiri

Mi è venuto in mente di scrivere questo articolo qualche minuto fa mentre stavo parlando di alcune vicende, con una mia amica, vissute direttamente dai miei genitori e raccontatemi negli anni. Inoltre aggiungerò delle dicerie e una storia personale.

Inizio con il dire che è risaputo quanto all’essere umano piaccia inventarsi le cose e avere la linga lunga. Gonfiare le storie ci fa sentire in oltre, superiori, ma credo fermamente che nelle leggende di vampiti, licantropi e via dicendo ci sia sempre un fondo di verità, magari con una base scientifica e incompresa, ma qualcosa dovrà pur esserci stata per far innescare le dicerie no? Mettici anche l’ignoranza dei tempi in cui tutto e nato e BAM! Ecco nata una leggenda. Devo ammettere però che è bello credere ad alcune di esse.

Poi, dall’altra parte, ci sono le storie vissute, quelle personali o di gente di cui ci fidiamo, a noi vicine, e lì tutto si ferma perchè come puoi dar forma a ciò che qualcuno ha visto o udito? O che si è percepito?

Io non amo dare per scontate le percezioni e le sensazioni comunque.


Inizio con due esperienze diverse di licantropia vissute dai miei genitori.

Nella mia città, Mesagne, si parlava di un uomo che la gente vedeva sempre andare in giro di notte. Molte persone dicevano di averlo visto trasformarsi in un lupo.

Mia madre aveva all’incirca tredici/ quattordici anni, in tarda serata all’incirca verso le nove/ dieci di sera, si stava dirigendo verso casa da sola. Le strade erano deserte, e ad un tratto vide quest’uomo infondo alla strada. Fermo.  Lei non ci fece molto caso e continuò a camminare diretta verso casa, quando all’improssivo vide crescergli del pelo lungo le braccia. In due secondi mia madre era già a casa!

Lei questo particolare se lo ricorda perfettamente, la crescita istantanea di un folto pelo, ma chi può dire cosa avrà mai visto?

Mio padre, anche lui minorenne, stava tornando in tarda serata da lavoro con un suo amico ( che conosco perfettamente e mi ha raccontato più volte anche lui questa storia), ed erano entrambi su di una bici. Dopo un po’ si voltarono e videre quest’uomo pieno di peli, un mostro praticamente, fermo sulla strada da dove erano venuti. Mio padre dice ” è inutile dire che la bici correva da sola, non abbiamo capito più niente”!


Questa che vi racconto adesso è un’altra diceria della città in cui vivo di cui mia madre ha sentito solo delle storie quando era piccola.

Si diceva che c’era un uomo che mutasse in vampiro nelle notti di luna piena e che i familiari lo chiudessero in una stanza circondando gli infissi di aglio per non farlo muovere da lì.


Parlando di fantasmi, anime e via dicendo, ho molte storie di amici e parenti che hanno vissuto direttamente un evento che potrei raccontarvi, ma mi limiterò a due storie, una di mio padre ed una vissuta da me.

Mio padre, insieme al resto dei suoi parenti, avevano deciso di stare accanto a loro nonna appena defunta. Verso mezzanotte, come è usanza fare, chiusero la porte della stanza in cui vi era il defunto, e si sitemarono in cucina. Ad un tratto sentirono la porta esterna aprirsi e chiudersi. Scesero giù per controllare e non videro nulla, la porta era perfettamente chiusa. Dopo poco sentirono nuovamente aprire e chiudere la finestra, andarono a vedere, e niente. Infine sentirono delle voci provenienti dalla stanza dove vi era la persona deceduta e mio padre sentì chiaramente la voce di sua sorella, morta quindici anni prima. Cosa vi devo dire? Mio padre tornò a casa verso le due di notte bestemmiando.

La mia storia invece, è qualcosa di diverso. Più che sentito e visto, è un qualcosa che ho personalmente percepito. Anche se ho una mente fantasiosa che tende a credere alle cose strane, ho sempre cercato delle risposte plausibili a ciò che ho visto in alcune situazioni perchè l’illusione va bene nelle storie, ma non nella vita reale.

Ero in camera mia. In casa era presente solo mia madre. Ero frustrata, arrabbiata e triste per una situazione dolorosa che non riuscivo proprio a comprendere. Ero seduta sul letto cercando di analizzare tutto ciò che era avvenuto e cercando di capire dove avevavo sbagliato. Mi sono così alzata, mi sono accucciata su di un puf sotto al condizionatore che in quel momento gettava aria fredda perchè estate. Piansi, e nella mia testa risuonava un mio tormento ” nessuno saprà mai quanto è grande ciò che provo”. In quell’istante sentì una voce rimbombarmi nella testa, la voce di un uomo giovane che diceva ” Io lo so”.

Ok, adesso semprerà davvero strano come lo è sembrato a me e soprattutto inspiegabile, ma queste sensazioni sono state talemnte ferti da..

Allo stesso tempo ho sentito un punto caldo sulla mia coscia. (Ricordate? Ero sotto al condizonatore co il getto gelido sopra.) Come se qualcuno vi avesse appoggiato la mano. E’ stato così reale il tocco che la voce che mi sono alzata di scatto edho iniziato a piangere per la paura. Mi sono spostata verso il letto, non riuscendo a muovermi. Ad un tratto ho sentito quel tocco caldo, bollente lungo la schiena, come una carezza ed ho percepito dele dita, precise e nette. Con quel secondo tommo mi sono tranquillizzata all’improvviso, non so il perchè, ma ho smesso di piangere e mi son sentita meglio, nonostante non riuscissi a capire cosa fosse successo. Inoltre non avevo la più pallida idea di chi potesse essere quella voce.

Sono uscita dalla camera chiedendo a mia madre se avesse acceso la tv o avesse parlato o fosse venuto qualcuno, ma niente.

Dopo un po’ di tempo ho sognato un giovane uomo a me caro morto purtroppo anni fa, e quando nel sogno ha parlato ho udito quella stessa voce.


Cosa dire? Raccontarvi quest’ultima mia e personale esperiezìnza mi fa ancora venire i brividi, in positivo per la situazione  eper il significato che gli ho dato, ma davvero sono state sensazioni inspiegabili.

Nonostante questo non voglio essere scambiata per una fanatica del paranormale, perchè come detto prima, preferirei dre una spiegazione logica ad ogni cosa!

E a voi p mai successo qualcosa di inspiegabile?