Appuntamento con la narrativa. Parte 5

Quinto ed ultimo appuntamento con le nuove uscite della narrativa!

7789689.jpg“Ogni lettore di gialli prima o poi se l’è chiesto: come saranno stati da bambini gli investigatori che abbiamo imparato ad apprezzare negli ultimi anni? Ecco la risposta, in cinque racconti di cinque (sei) firme di punta della narrativa gialla italiana, che hanno immaginato i loro personaggi da piccoli, alle prese con piccole storie che fanno presagire quale sarà il loro carattere, e il loro fiuto, da adulti – o forse no. Incontriamo così il futuro avvocato Greta Morandi e il futuro investigatore Mario Longoni, di Arosio & Maimone, nella Milano autarchica del 1936; il piccolo Sandrino Micuzzi, di Massimo Cassani, alle prese con una rivista misteriosa; Max Gilardi, di Elda Lanza, che rievoca il suo ultimo anno di scuola elementare; il giovane Norberto Melis, di Hans Tuzzi, in vacanza in Liguria, nel 1951; e infine Franco Bordelli, di Marco Vichi, che nel 1919 ha nove anni e vive la sua prima avventura tra il pianterreno e l’ultimo piano della casa dei suoi genitori. AUTARCHIAGreta, Marlon e le tre veritàdi Arosio & MaimoneL’amico di villeggiatura del commissario Micuzzidi Massimo CassaniMI CHIAMO MASSIMOMax Gilardi, avvocato, e Giacomo Cataldo, investigatore, e la loro antica stretta di manodi Elda LanzaIL FICO EGOISTAL’azzurra infanzia del vicequestore Melisdi Hans TuzziIL SEGRETO DI ERMELINDAUna dolorosa storia del piccolo Bordellidi Marco Vichi.”

7704391.jpg“«Una storia che suscita enorme empatia.»Die Zeit«Un romanzo straordinario. Niente romanticismo, né cliché. Una vicenda che rimane impressa a lungo nella mente, come i gemiti e gli scricchiolii nella grande casa buia.»NDR«Hansen trova sempre il tono giusto per i suoi meravigliosi e testardi personaggi. A volte ironico, a volte toccante, questo romanzo è uno sguardo divertito sulla vita di campagna, raccontata senza luoghi comuni.»Brigitte«Un romanzo intelligente, dal ritmo incalzante.»SternÈ più forte chi vuole essere indipendente o chi sa chiedere aiuto? Nella primavera del 1945 a casa di Ida Eckhoff si presentano Hildegard von Kamcke e la piccola Vera, in fuga dalla Prussia orientale. Madre e figlia per il momento devono accontentarsi della stanza della servitù, ma Hildegard è ambiziosa, e prosegue il suo viaggio alla volta di Amburgo, lasciando la figlia nella fattoria. Vera finisce con l’ereditare la grande casa fredda, ma sembra non riuscire a possederla mai davvero. Fino a quando, diversi anni dopo, si presentano di nuovo alla porta due profughi: Anne, nipote di Vera, e suo figlio. Anne, una musicista, non sopporta più l’esistenza che conduce nella pretenziosa Amburgo e ha lasciato un marito che la tradiva. Le due donne hanno in comune più di quanto immaginano: entrambe non si sentono a proprio agio da nessuna parte ed entrambe lottano contro un passato che le ha indurite. Eppure, nella grande casa all’ombra del tiglio, troveranno qualcosa che non avevano mai cercato. Da un’autrice definita ‘la Elena Ferrante tedesca’ per le caratteristiche e l’entità del suo successo in patria e all’estero, ma anche per le sue straordinarie protagoniste femminili, un romanzo dallo stile asciutto e ricco di poesia, capace di descrivere con straordinaria efficacia il rapporto madre-figlia. Un debutto originale, a volte ironico e a volte commovente, che scava a fondo nell’animo umano, mettendone a nudo i bisogni più veri e inconfessabili.”

7781641.jpg“Può un’eredità imprevista cambiarti la vita, anche se non sei più giovanissima e non ti aspetti più nulla dal mondo? Sì, se l’eredità è una spilla di corallo a forma di uroboro. Di un suo supposto potere magico è convinta Anastasia, una donna ‘all’antica’, insicura e piena di remore, che vive l’abbandono del marito come una colpa e ha congelato la propria esistenza nell’attesa di un suo improbabile ritorno. L’eredità dell’amante del nonno, un palazzetto in una zona malfamata di Catania e una scatola piena di cianfrusaglie tra cui l’uroboro, è l’occasione per cambiare tutto. Intorno ad Anastasia un mondo di personaggi vivi e reali: le tre cugine ‘continentali’, la figlia Nuvola con i capelli viola e il suo bizzarro mestiere, l’altra figlia Doriana, che scopre le gioie e i dolori dell’adulterio, e poi ancora il notaio-cuoco Matteo e l’inquietante cavalier Santospirito con le sue rocambolesche manovre per impossessarsi del magico uruboro. Ma specialmente Igor, il primo amore di Anastasia, che potrebbe tornare dalla Guadalupa e rimettere tutto in discussione… Un romanzo immerso nei caldi colori mediterranei, in cui ironia e fiducia nel cambiamento aprono nuove, meravigliose strade.”

7691333.jpg“«Novantenne, elegante e ancora bella. Femminista, amica di artisti e letterati, prima presentatrice della TV: perfetta eroina di un romanzo, Elda Lanza ne è invece l’autrice».ttl – La Stampa«Elda Lanza mostra la stoffa di un’appassionata narratrice».Il Giornale«Un’ardita novantenne, dalla personalità versatile e con un formidabile vigore. Complimenti, signora Elda».la RepubblicaNon sa e non capisce dell’amore, la protagonista di questo romanzo. Perduta la madre e abbandonata adolescente dal padre, sola nel suo deserto affettivo, cresce forte e determinata. Alla sua casa silenziosa di ricordi, fa da contrappunto l’acida frivolezza dell’ambiente di lavoro, una prestigiosa e patinata rivista milanese. La incontriamo nel momento in cui ha inizio la sua prima vera educazione sentimentale: un viaggio senza pregiudizi attraverso gli altri alla scoperta di se stessa, dei misteri del desiderio e dei legami tra le persone. Un viaggio travolgente che sembra aprire in lei – questa volta davvero – lo spazio per l’amore e per una vita nuova. Con una scrittura asciutta, lucida e appassionata Elda Lanza racconta una storia in cui perdersi e riconoscersi. Scandalosa e esemplare allo stesso tempo. Sino all’ultima scelta che conclude il romanzo, quando le aride certezze sono spazzate via dalla pienezza delle emozioni.”

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...