ORGANIZZO UN GIVEAWAY! :D

Buooon venerdì amici lettori! 😀 Ho deciso di organizzare un giveaway, così senza una reale ragione! Infondo, perchè dovrei averne una? 😉

Ho deciso che ne organizzerò qualcuno molto spesso, come mai? Beh, ho pensato che per un lettore è sempre bello avere l’oppotunità di vincere un libro e per me è un piacere poterne dare la possibilità. Perchè organizzarne  spesso? Sarò sincera, attualmente non ho la possibilità economica di acquistarne di nuovi  e metterli in palio, infatti, chi mi segue sa che compro prevalentemente libri usati proprio per questo motivo, ma qualche giorno fa, al mercatino, mi sono accorta di alcuni titoli che io avevo già oppure che personalmente non mi sarebbero forse piaciuti, ma che costavano pochi euro rispetto al costo originario ed erano in perfette condizioni, quindi, perchè non dare la possibilità a qualcuno di avere quei titoli?

Non so se l’idea vi possa piacere, ma perchè non provarci? Per cui, questa volta vi propongo 3 libri differenti tra loro fra cui il vincitore potrà scegliere 🙂


  1. AMY BRILL- IL SENTIERO DELLE STELLE

amy-brill

“Isola di Nantucket, 1845. Come ogni notte, Hannah Price si arrampica sulla terrazza e scruta il cielo con il piccolo telescopio dono del padre. Scoprire una cometa: che rivincita sarebbe, per lei che di giorno fa la bibliotecaria e di notte ruba al sonno qualche ora per leggere il disegno mutevole di quelle lucine così piene di mistero. Per lei che è destinata invece a sposare un uomo che non ama, e a vedere chiudersi così tutte le possibilità che la vita potrebbe spalancarle davanti. Un giorno, però, alla sua porta bussa Isaac, un marinaio di colore delle Isole Azzorre: vorrebbe imparare a leggere le stelle per orientarsi nella navigazione. In quegli occhi scuri, così diversi dai suoi, Hannah scorge la sua stessa passione, lo stesso desiderio di superare i confini della propria condizione attraverso la conoscenza. Nelle lunghe notti trascorse a osservare il cielo, tra i due germoglierà l’amicizia e, poi, l’amore che sconvolgerà per sempre le loro vite. “

2. ANGELO FRANCO – CHORAMS

_chorams-1390890890.jpg

“Il Regno di Chorams è in pericolo. Nella Valle della Vita è scomparsa la perla della Speranza. Solo un giovane, venuto da un altro mondo, con animo puro potrà recuperarla come narra la profezia raccolta in un’antica poesia. “Il sogno di un forestiero che in Chorams per esso viene e, puro e innocente, la Speranza ridona”. Egli è Oscar, che leggendo un misterioso racconto da un antico volume, si trova catapultato in questo mondo fantastico, ma sull’orlo di una terribile guerra. I principati di Ran, Reghor, Seramis e Nadipan si sono ribellati al sovrano, Althor II, e avanzano minacciosi verso la capitale del Regno: la santa Orazhin.”

3. OSCAR WILDE- IL RITRATTO DI DORIAN GRAY ( Questa edizione l’ho comprata l’anno scorso, io ne ho già una copia e vi era tanto piaciuta per cui… 🙂 )

uig87g.jpg

“Dorian Gray, un giovane di straordinaria bellezza, si è fatto fare un ritratto da un pittore. Ossessionato dalla paura della vecchiaia, ottiene, con un sortilegio, che ogni segno che il tempo dovrebbe lasciare sul suo viso, compaia invece solo sul ritratto. Avido di piacere, si abbandona agli eccessi più sfrenati, mantenendo intatta la freschezza e la perfezione del suo viso. Poiché Hallward, il pittore, gli rimprovera tanta vergogna, lo uccide. A questo punto il ritratto diventa per Dorian un atto d’accusa e in un impeto di disperazione lo squarcia con una pugnalata. Ma è lui a cadere morto: il ritratto torna a raffigurare il giovane bello e puro di un tempo e a terra giace un vecchio segnato dal vizio.”


Veniamo ora alle regole per partecipare al Giveaway!

  1. Seguire il blog
  2. Lasciare un commento qui sul blog, dove specificate che partecipate al giveaway, o sui vari social Facebook, Instagram, Twitter,
  3. optionl* seguire il blog sui social se vi va, re postare la foto su instagram e taggare chi volete 🙂
  4. Nel commento lasciatemi un e-mail o specificate dove posso contattarvi in caso di vincita.

Sotto ad ogni commento vi lascerò un numero ( se non dovessi farlo per qualsiasi motivo contattatemi), con il quale andrò a fare un estrazione con un sito, cercherò di registrare anche l’estrazione e la metterò o su facebook o su instagram per correttezza 🙂

Il giveaway scade il 1 settembre ore 23:59.



Spero che questa idea possa piacervi 🙂

 

 

Annunci

BookHaul di Luglio!

Ebbene sì, questo mese il mercatino dell’usato mi ha letteralmente rovinata! ahahah

Per quanto riguarda le spese libresche, mi sono data allo shopping sfrenato, e vi dirò, mi sono anche trattenuta!!! 😀

Iniziamo! *_*


Sono riuscita a comprare usato da una ragazza gentilissima Red Ricing di Pirce Brown!

Red-Rising-Il-Canto-Proibito-Mondadori.jpg

Dopo di chè, sono partita per Bari e lì mi sono fermata ad un mercatino del libro usato! Questo è ciò che mi sono portata a casa quella giornata! *_*

ls.jpg100347.jpg

2684_Ifantasmidipietra_1225136094.jpg           $_35.JPG

4980-3.jpg           7957_fango_1290769230.jpg

38434.jpg     Città_di_cenere.jpg

shadowhuntervetro.jpg            shadowhunterangelicaduti.jpg

 

Poi, in scambio ho preso :

5546004.jpg                     3316_Nontimuovere_1233518643.jpg

 

Per il compleanno mi è stato regalato un volume che mi mancava, cioè:

4.jpg

E siccome, tutto ciò non mi bastava, alcuni giorni fa mi sono fermata ad un mercatino dell’usato che ho appena scoperto ed ho comprato…

1729673            arton18621.jpg

Lisola-delle-farfalle.jpg

Per concludere, la casa editrice Giovane Holden Edizioni, mi ha gentilmente inviato queste due letture di cui presto vi parlerò! 🙂

8113004_2552747.jpg

7961837.jpg


E voi? Cosa avete acquistato nel mese di Luglio? 😀

La disgrazia di nascere animali

Ieri sera ho assistitio ad una scena a dir poco agghiaciante. Mentre camminavo per il centro della città, sento urlare una donna a squarcia gola e chiunque si trovasse in zona si è voltato per capire cosa stesse succedendo.

La scena era questa :

Un uomo portava a guinzaglio un cane, pastore tedesco, senza museruola, all’improvviso, il cane si è trovato davanti un cagnolino, anch’esso a guinzaglio con la sua padrona che passeggiava tranquillamente. Il pastore tedesco è schizzato verso il cagnolino, e lo ha morso. Le urla sono continuate per un lasso di tempo interminabile mentre il corpicino del cagnolino veniva sballottato a destra e sinistra dal pastore tedesco. Vani sono stati i tentativi di entambi i padroni di togliergli dalle fauci la povera bestiolina.

Ora. Nel caos più totale non si è capito se il povero cucciolo ce l’abbia fatta oppure no, se così dovesse essere ( e lo spero tanto), sarà ridotto più tosto male. Dopo che la folla si fu dissipata, i proprietari di entrambi i cani non c’erano più, suppongo che entrambi siano corsi ad un veterinario il prima possibile.

In quel frangente io vomitavo dall’altro lato della strada perchè la scena era stata  tremendamente violenta.

Quando finalmente mi misi a letto quella sera stessa, non riuscì ad addormentarmi se non molte ore dopo, perchè le urla della donna mi aleggiavano ancora nella testa.

Ed è per questo che mi sale la rabbia per tutta l’ignoranza che la gente ha in corpo.

Non voglio stare qui a parlare di museruola o saper tenere un cane ecc ecc, voglio star qui a specificare e chiarire quello che penso sulle conseguenze delle azioni umane che poi ricadono su gli animali.

Tutto ‘l’odio è stato indirizzato, ieri sera, al povero pastore tedesco, che semplicemente ha seguito un istinto perchè è UN ANIMALE e non gli si può rimproverare il fatto di non capire cosa sia giusto e corretto fare ( a volte non lo capiamo nemmeno noi!). E non mi importa quanta filosofia del cazzo la gente faccia sull’educare un cane , li si può educare fino ad un certo punto perchè hanno degli istinti che non puoi di certo togliergli.

Il mio stesso gatto cattura i poveri uccellini e li uccide. Ma è un gatto e non posso sicuramente ammazzarlo perchè ha degli istinti da cacciatore!!

Oltre ad avere delle leggi di poco conto per le persone, ne abbiamo di poco rilievo anche per la tutela degli animali, che a maggior ragione dovrebbero essere giustificati e capiti, soprattutto quando hanno dei padroni imbecilli!

Tutto questo odio solo per sentirsi grandi, solo per sentire di riuscire a sottomettere qualcuno, proprio non lo capisco. Vi faccio un esempio su un fatto realmente accaduto in uno zoo della mia zona, un esempio di lege del cazzo, perchè di questo si tratta!

Gli adulti, così come i bambini, si stavano divertento a tirare pietre allo scimpanzè, schernendolo e ferendolo, al chè, l’animale, prende quelle stesse pietre e le scaglia contro i suoi assalitori. In conclusione ferisce un bambino, denunciano il fatto ( raccontando solo la parte conclusiva) e lo scimpanzè viene soppresso. Fine della storia.

Ora, io sopprimerei in primis quella gente idiota, che mette al mondo figli per insegnarli cazzate come questa, a vivere da coglioni. Scusate il termine, ma io definisco così questa gente, cogliona. E di storie così ce ne sono a bizzeffe. Storie di genitori che incitano i figli a mettere le mani nelle gabbie e a strappare i peli dell’animale, poi esso si ribella e le conseguenze indovinate chi le paga?

Devo essere sincera a riguardo, dell’uomo, in queste situazioni, me ne sbatto le scatole altamente! La gente può dirmi quello che gli pare, ma questo è il modo in cui vedo il mondo ed è il modo in cui voglio vivere per il resto dei miei giorni.

Mai, e dico mai, tollererò comportamenti offensivi, di alcun genere, e ingiusti verso un animale, perchè se un uomo può permettersi di chiedere perdono ed essere perdonato anche se uccide una persona consapevolmente e non si becca la stessa punizione, perchè diavolo dovrebbe spettare agli animali che seguono i propri istinti? Perchè di questo si parla, di istinti!

Non prendete animali se non volete amarli come se fossero la vostra famiglia, se li volete per giocare, compratevi i peluche con le batterie e non rovinate la vita agli altri, per piacere!

E per finire, vi esorto ad evitare di visitare gli zoo, per quanto onesti possano essere i proprietari, mai gli animali saranno tenuti bene e comunque soffrirebbero nell’essere osservati e tenuti in cattività. Solopeprchè non possono parlare non significa che non stiano male. Vi esorto anche a guardargli negli occhi e vi sfido a dire che son felici di trovarsi in quelle quattro mura di metallo!

La stessa cosa vale per i circhi! Quella è una situazione di gran lunga peggior degli zoo stessi! Animali costretti ad andare in climi differenti, a stare in posti ristretti, con poca pulizia e costretti a fare ciò che un umano dice. Per i soldi, non per amore, ricordatevelo. Chi ama gli animali non li utilizza per degli spettavoli, e se ubbidiscono così tanto non è amore, è dolore subito nelle prove che li costringe a ubbidire successivamente.

Vi invito a vedere gli spettacoli circensi realizzati solo e soltanto da gente, che sa bene dove e come spingersi per divertirsi e far divertire, creando soddisfazione a chi li realizza e a chi li guarda!

 

 

La rosa del Califfo di Renée Ahdieh

Buon primo Agosto amici lettori! Come state? Da me in Puglia il caldo è asfissiante e le temperature si alevano giorno dopo giorno!!!

Ma nonostante questo, non mi sono fermata nelle letture! 😀 Quest’oggi voglio recensirvi La rosa del Califfo, sequel di La moglie del Califfo di Renée Ahdieh!


Shahrzad è stata la moglie del califfo del Khorasan. Era giunta nella sua dimora con lo scopo di vendicare la morte di altre fanciulle andate in sposa a lui. Poi il suo piano è saltato, Khalid non è infatti il mostro che tutti credono. È un uomo tormentato dai sensi di colpa, vittima di una potente maledizione. Ora che è tornata dalla sua famiglia, Shahrzad dovrebbe essere felice, ma quando scopre che Tariq, suo amore d’infanzia, è alla guida di un esercito e sta per muovere guerra al califfo, la ragazza capisce che deve intervenire se vuol salvare ciò che ama. Per tentare di evitare una sciagura, spezzare quella maledizione, ricongiungersi a un uomo di cui ora scopre di essersi innamorata, Shahrzad farà appello ai suoi poteri magici, a lungo rimasti sopiti dentro di lei…


Se avete letto la mia recensione del primo volume di questa splendida duologia, saprete già che l’ho letteralmente amato, tanto da non sapermi esprimere in altro modo se non  con “è perfetto”! Ho iniziato quindi la letture del secondo volume con tanta gioia e altissime aspettative, che purtroppo non mi hanno soddisfatto del tutto.

Chiunque avesse letto la saga, mi aveva incitato a leggerne il seguito assicurandomi che non me ne sarei assolutamente pentita. In tutte le recensioni lette ho solo sentito parlar bene di questo sequel definendolo nettamente superiore al primo volume.

Effettivamente lo è per certi versi. Mi spiego meglio. Ho apprezzato tantissimo la linearità dei personaggi, che come nel libro precedente si sono evoluti in modo naturale senza forzature ed hanno mantenuto questa linea per tutta la saga.

A mantenere vivo l’interesse della trama, sono tutti gli avvenimenti che accadono, che non permettono di definire questo libro statico!  😀 Le multitudini di azioni  compiute da ogni personaggio sono reali, vive, perfette insomma!

Quindi, vi starete chiedendo, cosa non mi ha soddisfatto!? Ebbene, le azioni, se pur vere e reali, sono estramamente prevedibili. Questo dettaglio mi ha lasciato l’amaro in bocca non facendomi sorprendere e meravigliare in nessuna pagina. Con questo non voglio assolutamente dire che questa lettura non mi sia piaciuta, anzi, ma resta il mio preferito La moglie del Califfo.

Un’altro dettaglio che non ho apprezzato  è stato il finale. Sarà che non apprezzo i “The end” anch’essi scontati in nessuna lettura, ma non mi ha fatto particolarmente impazzire, insomma, questo libro non  è stato un pugno nello stomaco per me!

Nonostante questo consiglio caldamente questa saga perchè è una delle più belle che io abbia mai letto!

E poi, mi sono innamorata di Khalid! ❤

E voi? Avete letto questa duologia, cosa ne pensate? Fatemi sapere 😉


 Qui il link per acquistare La rosa del califfo!

Cotton Tales di Loputyn

Buon venerdì amici lettori! Il fine settimana è ormai alle porte ed il caldo ci suggerisce una sola scelta da compiere, andare al mare! 😉 O per lo meno spero che ci possiate andare o stiate facendo qualcosa che vi soddisfi ugualmente. Io tra qualche ora sarò a trasformarmi in una prugna raggrinzita delle limpide acqua della Puglia, poichè il caldo di questi giorni non ha lasciato tregua a nessuno e suppongo che anche oggi sarà tale.

Bando alle ciance, oggi voglio parlarvi di un fumetto che ho adoratomsin dal primo mento che l’ho visto in libreria, Cotton Tales. A catturarmi immediatamente, sono stati  i bellissimi disegni fiabeschi di Loputyn e leggendone poi la trama non ho avuto più dubbi a riguardo.

Prima di ciò però ci tengo a farvi conoscere un blog libresco bellissimo che spero possa piacervi, come anche il suo profilo instagram *__*

Reading in the tardis

Instagram, reading in the tardis

Il nostro protagonista Nicholas si sveglia dopo un incidente nella villa Moran non ricordando nulla del suo passato. Tentando di ricordare qualcosa della sua vita, Nicholas, si imbatterà nei misteriosi segreti che la villa nasconde e si ritroverà convivere con delle allucinazioni…

La trama mi è piaciuta tantissimo, mi ha tenuta sulle spine fino all’ultima pagina lasciandomi l’amaro in bocca con il finale tremendamente accattivante. Ebbene sì, ho maledetto l’autrice per questo e non vedo l’ora di continuare la lettura con il secondo volume! Una trama gotica e strana allo stesso tempo, assurda per certi versi, tanto da tenere incollato il lettore pagina dopo pagina.

Come dicevo prima, le illustrazioni sono fantastiche, le ho amate, adorate immensamente!! 😀

Conoscevate questo fumetto? Avete mai letto qualcosa dell’autrice? ;D


Qui per acquistarlo 😉 Cotton tales: 1

Il libro delle ombre- La profezia del ritorno di Stefano Lanciotti

Buongiorno amici! Questa mattina eccomi qui con un’altra recensione e un’altra lettura conclusa! Voglio per l’appunto, parlarvi de Il libro delle ombre di Stefano Lanciotti.

Mi è stato chiesto alcuni mesi fa di leggere e recensiore questo libro, e dopo mille peripezie sono riuscita a concluderne la sua lettura!

 


Trama

Chi è veramente Beryl Anderson? Lei è convinta di essere una ragazza come tante altre ma, quando la sua vita comincia ad andare in pezzi e le accadono cose inspiegabili, l’idea che esista un mondo del tutto diverso da quello che conosce, nel quale lei è una persona molto speciale, comincerà ad apparirle meno incredibile. E assieme a nuovi compagni d’avventure, dovrà imparare a combattere per conoscere a fondo se stessa, salvare la sua vita e, forse, il mondo intero.


Come dicevo prima, la lettura di questo libro è stata una continua lotta un po’per motivi personali e un po’ perché  mi son ritrovata dinanzi un volume che ho fatto fatica ad interpretare.  Ho vissuto l’intera storia con alti e bassi.

Devo dire che lo stile di scrittura non è fra i miei preferiti,( ma questo è un dettaglio strettamente personale), e questo motivo ha fatto si che  mi rallentasse nella lettura. H

o trovato momenti della trama molto avvincenti ed interessanti, ed altri estremamente lenti.

Al contempo, ho avuto una battaglia interiore nel trovare affinità con alcuni personaggi, senza alcun dubbio ho amato Beryl, la nostra protagonista. Mi è piaciuto il modo in cui è stato sviluppata la sua personalità e crescita, Ma purtroppo non hanno suscita in me altrettanta ammirazione gli altri personaggi.

A farmi comunque amare questo libro è stato il nuovo mondo creato dall’autore, Nocturnia. Ne sono stata letteralmente affascinta, cattura e ammaliata! 😀

Quindi, cosa dire? Questa lettura mi ha lasciato sicuramente un tumulto dentro sia positivo che negativo, e questo è importante in un libro, lasciare qualcosa a chi lo legge!

Voi lo avete letto? Conoscete l’autore? Fatemi sapere cosa ne pensate! 😉


Per Acquistare il libro: Il Libro delle Ombre (La Profezia del Ritorno Vol. 1)

La musica provata di Erri De Luca

Buon mercoledì amici lettori! 🙂 Come state? Questa mattina voglio portare alla vostra attenzione un’altra bellezza partorita dal mio scrittore preferito, Erri De Luca.

Per chi conoscesse Erri e i suoi scritti, credo che non abbia bisogno di leggere nient’altro se non il suo nome per avere una certezza ad ogni lettura. Non è la fama che ha reso questo uomo un pilastro nella mia vita e nelle mie letture, ma le sue parole da amico, confidente, padre. Frasi magiche, cariche di musica e di magia, capaci di trasportare il lettore nei fatti, nei dialoghi, nei posti di cui Erri narra.

Un romanzo, una storia. Per me è sempre riduttivo descrivere così un suo libro. Mi piace definirlo un racconto, come  solo un nonno o un padre, davanti ad un camino può saper raccontare.



“Una persona può essere raccontata dai dischi, cd e supporti vari che hanno girato intorno al suo ascolto.”

La musica provata è un insieme di racconti concatenai gli uni agli altri, legati da una sola parola, musica.

“Come una partitura spetta a chi la suona, così il libro è del lettore, affidato alla sua irripetibile esecuzione.”

Erri De Luca, narra pezzetti della sua infanzia, narra delle sue amicizie, degli incontri che lasciano il segno ricordando Napoli con fierezza in tutto il suo splendore e povertà. Il filo conduttore è la musica ascoltata da giovane, la musica che le vie della propria città gli hanno saputo regalare, le note trasmesse dalle parole.

“Nella canzone napoletana la donna è guappa, tirannica, sprezzante, traditrice.”


La musica provata Trailer

Link per acquistarlo su Amazon: La musica provata

Intervista ad Alessia Coppola

Scrittrice, blogger e illustratrice pugliese, Alessia Coppola si è diplomata al liceo artistico proseguendo gli studi preso la Facoltà di Beni Culturali, per poi trasferirsi a quella di Filosofia e ancora in Sociologia. È anche una pittrice con all’attivo numerose esposizioni, da qui all’illustrazione il passo è stato breve, specializzandosi nel settore dell’infanzia. Ha ampliato gli orizzonti affermandosi anche come grafica. Altra grande passione è il canto. Ha inciso il suo primo singolo Sognatori nel 2012, arrangiato da Marco Schnabl, fonico dei Duran Duran. Nel 2014 ha aperto un blog letterario, Anima d’Inchiostro.

14344219_1077238508995966_196637686442249220_n.jpg

Come è nata la tua passione per la scrittura e quando ti sei accorta che questo sarebbe stato quello che avresti voluto fare come lavoro?

La passione per la scrittura è nata insieme a me, io la definisco il mio richiamo. Ho iniziato a scrivere poesie e racconti dall’età di sei anni. A diciassette anni, grazie a Tolkien e al suo Signore degli Anelli, mi sono innamorata del Fantasy e ho capito che avrei dovuto fare la scrittrice per essere felice.

Come hai iniziato a coltivare questa tua passione? Scrivendo per te o facendo anche leggere ciò che creavi?

All’inizio tenevo tutto per me, accumulavo quaderni con storie e poesie. Poi ho sentito la necessità di condividere i miei pensieri e così ho iniziato a pubblicare. Era il 2005.

Quale è stata la tua prima pubblicazione e cosa hai provato quando sei riuscita in questo intento?

La mia prima pubblicazione è stata una raccolta di poesie, Pensieri nel Vento. Ricordo che piansi quando strinsi il libro tra le mani.

Quali sono le tue pubblicazioni?

Sono molte, circa diciotto in dodici anni. Tra queste vorrei menzionale Alice from Wonderland e Il Filo Rosso, edito da HarperCollins Italia.

Come è nata la storia di Alice?

La storia di Alice nasce un po’ per caso, come tutte le mie storie. Mi sono sentita sempre un’Alice smarrita in un labirinto impossibile. Scrivere di lei è stato un po’ anche scrivere di me. Sentivo che dovevo dare luce a questa storia e l’ho fatto, guidata anche dalla figura del Matto che mi ha sempre accompagnata.

15590396_1164155223637627_5419121784154505786_n.jpg

C’è un personaggio in cui si cela Alessia?

Potrebbe sembrare insolito, ma il personaggio che più mi somiglia è Algar, il misterioso e malinconico Brucaliffo.

I personaggi sono ispirati da persone reali o totalmente inventati?

Ogni personaggio è inventato, anche se ciascuno di essi mi somiglia in qualche modo. È come se li avessi già conosciuti nella mia testa in sogno o in un’altra vita.

Mettiamo da parte Alice, e parliamo di te. Quale genere letterario ami più scrivere e leggere?

Sono cresciuta con autori come Stoker, Bronte, Austen, Wilde, Tolkien. Con il tempo ho maturato una predilezione per il genere fantastico, ma devo dire che amo leggere di tutto e cerco di affrontare diversi generi narrativi anche da scrittrice.

Com’è il tuo rapporto con i lettori? E’ cambiato il modo in cui ti poni e affronti le loro opinioni negli anni?

Sono molto grata ai miei lettori e il rapporto con loro è rimasto lo stesso dai miei esordi. Li sento vicini e probabilmente mi conoscono molto più di chi mi è accanto nella vita reale. Ascolto i loro suggerimenti e li considero persino parte del processo creativo: penso a cosa vorrebbero leggere e a come posso emozionarli. Un lettore va rispettato e premiato, perché lui ci premia scegliendoci. Uno scrittore è tale perché i lettori glielo permettono.

Quali sono le tue altre passioni? Sappiamo che sei un’illustratrice bravissima ed ami cantare.

Esatto. Sono un’illustratrice e grafica e amo cantare. Sono anche una pittrice e amo cucinare. Insomma, adoro creare.

16729172_1218411558211993_4010940906598464669_n.jpg

Cosa ami di più fra il canto, il disegno e la scrittura?

Ho sempre amato queste passioni nella stessa misura, ma suppongo che il destino abbia scelto per me, indirizzandomi verso la scrittura. Quindi, ora risponderei che è l’inclinazione che amo di più.

Cosa rappresenta per te la scrittura?

Necessità, condivisione, evasione, bisogno, cura, felicità, passione, scopo. La scrittura mi consente di essere chiunque o ovunque. Sono libera solo scrivendo.

Quale libro ha influito maggiormente nella tua vita?

Innumerevoli. Ciascuno ha lasciato in me un segno indelebile. Tre su tutti hanno acceso in me una fiamme che si estinguerà mai: Il Signore degli Anelli, Il Ritratto di Dorian Gray e Novecento.

Diamo un po di consigli ai lettori ed aspiranti scrittori. Blocco del lettore e dello scrittore. Come li affronti e cosa consigli?

Devo essere sincera: raramente ho avuto il blocco dello scrittore, non riesco a ricordarne nessuno, in effetti. La parola è sempre stata il mezzo affinché potessi esprimermi, nel bene e nel male. Vivo per scrivere e scrivo per vivere, questo è il mio motto. Quindi, non potrei non scrivere.

Il blocco del lettore invece sì, l’ho affrontato molte volte e mi sta accompagnando in questo periodo. Non faccio nulla, in verità, aspetto che passi, attendo di innamorarmi di un libro. Perché i colpi di fulmine non esistono solo tra le persone, ma anche tra queste e i libri.

  1. Come si supera il “No, grazie” di una casa editrice?

Si supera bussando a un’altra porta. Su cento porte se ne apre sempre qualcuna.

Ora, Alessia, hai già iniziato a scrivere una nuova storia?

Sì, dovrei iniziarne una a giorni.

16939265_1224868644232951_8401278448471881738_n.jpg

Un pensiero che vuoi rivolgere ai lettori ed aspiranti scrittori?

A entrambi consiglio di leggere molto, poiché i libri ci rendono liberi.

Fare lo scrittore non è per niente facile. Tu hai deciso di intraprendere questa strada, diversa dal solito. Non hai intrapreso una carriera universitaria. Gli amici, la famiglia, come hanno reagito a questa decisione? E tu come l’hai vissuta?

Sono stata studentessa universitaria della facoltà di Beni Culturali, poi filosofia, poi Sociologia. Più studiavo e più comprendevo che ciò che mi arricchiva non era ciò che apprendevo dai libri di testo, ma dalle storie che gente come me scriveva. La mia sete di conoscenza e curiosità si soddisfaceva solo leggendo ciò che mi piaceva a scrivendo. E così ho lasciato gli studi, per tre volte.

Alla fine ho scelto il mio destino e non nascondo di aver lottato per dodici anni, perché la scrittura è soprattutto sacrificio, dedizione e dolore. Ho avuto, però, il sostegno della mia famiglia, la quale ha sempre visto in me una fiamma e il loro amore l’ha alimentata.

Un saluto al nostro sito.

Che le belle storie vi accompagnino. Grazie di avermi ospitata.

Un bacio d’inchiostro,

Alessia


13502021_1019235001462984_7595934869906402268_n

Ho avuto il piacere di conoscere  questa donna, una sognatrice forte e appassionata. Una donna con un’anima artistica che traspare quando la si guarda.

Ad incantarmi per la prima volta fu la sua scrittura. Lessi Alice from Wonderland di Alessia Coppola e ne rimasi estasiata. Le sue parole risuonavano come poesia e musica nella mia testa tanto da eloggiare Alessia e la sua scrittura a tutte le persone che conoscevo. Le sue opere illustrate mi sorpresero per la loro bellezza infinita e la sua voce melodiosa mi colpì con un pugno dritto nello stomaco. Poi la vidi, un breve incontro che mi fece capitolare definitivamente. Mi sentì una giovane che scopre la bellezza e l’amore e ne rimane estasiata. La figura di Alessia mi riportò nel mondo di Wonderland, il suo viso mi fece vorticare nella fantasia, caddi come Alice nella tana del Bianconiglio e rotolai giù in un turbinio di colori e mondi fantastici. Mi incantarono, come un serpente al suono del fluto, le sue parole, dolci e soavi, cariche di passione. Fu così che riuscì in poche ore a tramettermi la convinzione di seguire i propri sogni, di amare ciò che ci rende felici e di tenerselo stretto, qualunque cosa accada!


Pubblicazioni Alessia Coppola

Eccomi qui!

Eccomi qui amici lettori! 😀 Sono tornata dalla mia vacanza a Bari!!! Mi è mancato tanto scrivere sul blog e leggere!! Ebbene sì, per tutto il periodo mi è stato impossibile tenere un libro in mano, ma ho già iniziato la lettura di un nuovo libro! 😉 Voi cosa avete fatto? Siete andati al mare? Come state vivendo il caldo?? eheheh

Intanto vi lascio qui qualche foto della mia vacanza! 🙂

IEVC1671.JPG

TKDL4816.JPG

JKUL5750.JPG

CEJK7541.JPG

FOQN2846.JPG

AOTA6107.JPG

WNSJ9359.JPG

JWUT6137.JPG

GIAO1695.JPG

GQLP4428.JPG

Photo Serena Carlucci

 

Nuove uscite DeA, Leone Editore, Dunwich Edizioni, Frassinelli, Spering & Kupfer

Buon fine settimana! 🙂 come state amici?

VolevoApri la giornata e chiudere la settimana con un post dedicato alle nuove uscite libresche del perido! 😀 Cosa vi intriga?


DEA

9788851152369_66600a0b745729774247d1c1a5cb7f55.jpg

Finalmente è in uscita Il bosco di Mila di Irma Cantoni, il romanzo vincitore del Premio Fai viaggiare la tua storia organizzato da Libromania, in collaborazione con Autogrill, DeA Planeta Libri e Newton Compton Editori. Il concorso, svoltosi dal 5 dicembre 2016 al 28 febbraio 2017, si è rivolto ai tanti autori con un romanzo inedito nel cassetto e ha coinvolto ben 1.000 aspiranti autori. Le opere ammesse alla selezione sono state 620 e, dopo una lunga valutazione che ha visto partecipi tutti i soggetti sostenitori dell’iniziativa insieme agli autori Lia Celi, Roberto Cotroneo e Massimo Lugli, sono stati definiti i 10 vincitori della pubblicazione in digitale. Il bosco di Mila – trionfatore assoluto del Premio – sarà disponibile da oggi in anteprima in tutti i punti vendita Autogrill.

IL ROMANZO – La notte di Santa Lucia è la più lunga dell’anno, una notte magica di trepidante attesa in tutte le case di Brescia per l’arrivo dei doni che anticipano il Natale. Nella villa dei Morlupo tutto tace, le luci sono spente, nessuno attende regali, ma notizie della piccola Mila, scomparsa quella mattina nel bosco di Mompiano. Le ricerche delle forze dell’ordine e dei volontari che setacciano la zona non si fermano neanche al calar del buio: i Morlupo sono una delle famiglie più ricche e influenti della città. A complicare le cose la scoperta della scomparsa di un’altra compagna di classe di Mila.Un intrico di voci, verità sussurrate e silenzi ostili in tutti gli ambienti cittadini fanno temere il peggio.

La capo commissario Vittoria Troisi è riluttante ad accettare le indagini, ma la delicatezza del caso richiede la sua esperienza. In quella ricca città di provincia del Nord è stata trasferita solo l’estate prima da Roma, per riprendersi da un brutto incidente e curare le ferite che ancora si porta addosso. Accompagnata dal giovane agente del posto Mirko Rota, dal suo angelo custode rimasto nella capitale e dai fantasmi che non la abbandonano, Vittoria Troisi si trova a rimestare tra torbide relazioni familiari, vendette e rancori mai sopiti che risalgono agli anni di piombo e ancora più indietro fino all’epilogo della Seconda guerra mondiale.

Un’avventura umana e investigativa nella quale gli ingredienti che hanno fatto il successo del giallo italiano sono combinati in un thriller originale e sorprendente.

Thriller | Pagine 368 | € 9,90 | disponibile dal 6 luglio 2017

Un_cattivo_ragazzo_come_te.jpg

L’attesissimo sequel di “Quello che c’è tra di noi” di Huntley Fitzpatrick (DeA). Martedì 11 luglio sarà finalmente disponibile in tutte le librerie “Un cattivo ragazzo come te”. Preparatevi a un romanzo intenso e dolcissimo, in grado di raccontarci l’importanza delle seconde occasioni e del primo amore.

L’ultima cosa di cui una maniaca del controllo come Alice Garrett ha bisogno è un tipo come Tim Mason. Tim che è il migliore amico di suo fratello minore. Tim che attira i guai come una calamita. Tim che fiuta l’alcol anche bendato. Ma si sa, le cose non vanno sempre come si vorrebbe. Così, quando Tim si trasferisce nell’appartamento sopra il garage dei Garrett, Alice comincia a conoscerlo meglio…


DUNWICH EDITORE

nyctophobia-2-KN D.jpg

“Sono passati anni da quando Eliana e la dottoressa hanno
riportato la luce del sole. Ma il Buio, quell’entità viva e
incomprensibile che aveva ridipinto il mondo a tinte abissali,
ora è tornato e i suoi incubi sono a caccia.
Licia, la figlia adottiva di Eliana, bussa alla porta di Selene,
l’unica ragazza che non ha paura di camminare sola durante la
notte. Il Rifugio, la comunità fondata da Eliana nelle rovine di
un vecchio castello, ha bisogno di lei e in fretta, perché il
tramonto scende inesorabile e con esso torna l’Oscurità.”
Data di uscita 3 luglio

LEONE EDITORE

USCITE DI LUGLIO:

io_ti_vedo_LRG.jpg

“Laura e Nicholas si sono separati dopo una breve ma intensa relazione d’amore a Copenaghen. Lei è una giovane italiana laureata in ingegneria e adesso vive a Doha, in Qatar, dove sempre più sola si dedica intensamente al lavoro. Lui, invece, si è trasferito a Hong Kong e, oppresso dai rimorsi per il modo in cui si è lasciato con Laura, parte alla ricerca della ragazza, che è rimasta coinvolta in un grave incidente stradale. Attraverso il diario della sua ex fidanzata, Nicholas riuscirà a ricomporne l’esistenza: la vita da expat, i pregiudizi verso una donna in carriera che non vuole figli, la solitudine e la depressione, gli sport estremi, la discriminazione razziale, il contrasto tra le diverse culture.”
clausura_LRG.jpg

“Adolescente e spinta da una situazione familiare problematica, Sofia decide di entrare in convento per divenire suora. La vita monastica, però, è ben diversa da quella che aveva immaginato e, soprattutto, la giovane scopre che fuggire dal mondo esterno facendo una scelta così radicale non è la soluzione ai suoi problemi interiori. L’ambiente che la circonda non fa altro che deluderla, finché deciderà, dopo anni di sofferenze, di tornare a quel «mondo esterno» da cui si era sconsideratamente allontanata con troppa superficialità pur di sfuggire ai problemi quotidiani.”

Viola – Silvio Sampò

sulla_strada_per_l_amore_LRG.jpg

“Luna è una graziosa ragazza di ventitré anni, geniale architetto fresco di laurea dal passato doloroso. A Milano, sua città natale, trova subito impiego presso il prestigioso studio di architettura di Giovanni, splendido uomo che usa il suo fascino diabolico per sposarla, con l’unico scopo di arricchirsi sfruttandone il talento. Col tempo Giovanni diventa però geloso e prepotente, e Luna si ribella, per riprendersi la propria libertà e mettersi alla ricerca del vero amore, sempre in bilico tra figli, carriera e trasgressive avventure.”
il_valore_delle_piccole_cose_LRG.jpg

“Lorenzo, in un solo giorno, perde il lavoro, scopre il tradimento della moglie perfetta e riceve la telefonata che gli cambierà la vita: suo padre, che non vedeva ormai da anni, è morto. Disorientato dagli eventi, è costretto a far ritorno al piccolo paese natio, dove il vecchio Antonio, amico inseparabile del padre, lo aiuterà a rimettere in sesto la modesta casa ereditata. Attraverso i ricordi di Antonio, Lorenzo rivivrà i giorni terribili dell’occupazione tedesca durante i tentativi alleati di sfondare la munitissima Linea Gustav; farà conoscenza del sergente delle SS Sturmann, esaltato e capace di nefandezze indicibili nei confronti dei civili, e del mite soldato Hans, costretto suo malgrado a obbedire agli ordini ma sempre bendisposto ad aiutare il piccolo Antonio donandogli sacchetti di sale, bene preziosissimo all’epoca, uno dei quali l’anziano ha conservato sul camino della propria casa. Così, mentre Lorenzo sarà impegnato a rimettere in piedi la sua vita e Antonio a combattere le sue antiche angosce; un evento straordinario stravolgerà, ancora una volta, l’esistenza di entrambi. I resti di un soldato tedesco verranno ritrovati da un cercatore di funghi e, quel soldato, si rivelerà trattarsi proprio di Hans. Nel tentativo dei due uomini di emendare il proprio passato, ogni esistenza si andrà a legare a quella di altri personaggi e fino a fondere le due epoche.”
omicidi_in_tribunale_LRG.jpg

“Un assassino si aggira per Milano uccidendo giudici e curatori fallimentari, e dopo averli uccisi li appende al soffitto, nudi e a testa in giù, con un cartello recante la scritta Giustizia è fatta. Chi è veramente il killer? Ha ucciso per vendetta, o c’è qualcosa di più grande che si nasconde dietro agli omicidi? Cosa ha scatenato il suo odio? Che significato ha il macabro rituale? Dopo Omicidio a Chinatown, tornano le avventure del commissario Dell’Orto con un romanzo poliziesco ambientato nelle aule di tribunale.”


FRASSINELLI

 

La strada degli americani

“La strada degli americani Ã¨ un romanzo forte, dal ritmo incalzante. I personaggi sono disegnati talmente bene che vi sembrerà di sentirli parlare. Un esordio straordinario. Vi lascerà senza fiato” Maurizio De Giovanni

 

Didone regina

Gaia Servadio sa raccontare come nessun altro le donne e racconta Didone come non è mai stato fatto prima: una donna forte, libera e appassionata, lacerata dal contrasto tra amore e potere.


SPERLING & KUPFER

Il cammino dell'acqua

Un viaggio emozionante lungo il corso dei fiumi, da Nord a Sud.

Dopo anni di itinerari predefiniti, Riccardo Finelli ha deciso di uscire dalle strade battute e tracciare il proprio cammino, seguendo una via dimenticata: quella dei fiumi, che un tempo muovevano uomini, merci e mulini.

L'ultima estate di Diana

“Né giudizi né pregiudizi. Vent’anni dopo, ho solo voluto raccontare l’ultima stagione della vita di Diana così come l’ha vissuta, tra delusioni e speranze, frivolezze e impegno, amore materno e passione di amante.” Antonio Caprarica

Assassin's creed - Heresy

Una storia completamente nuova e originale, ambientata nella Francia di Giovanna d’Arco, per le migliaia di fan del videogame Ubisoft più venduto al mondo, e del film con Michael Fassbender.

25 LUGLIO 2017
Shake my colors 3

L’anima gemella è qualcuno che entra nella tua vita sconvolgendola come un uragano, o qualcuno che ti è accanto da sempre e che conosce tutto di te?  Il terzo capitolo della storia d’amore che ha già conquistato le lettrici Wattpad.

25 LUGLIO 2017
La piccola libreria dei cuori solitari

In una deliziosa libreria nel cuore di Londra, Posy e Sebastian si incontrano/scontrano all’ombra dei grandi classici della letteratura: nascerà l’amore tra una lettrice romantica e un cinico amante dei thriller?

18 luglio 2017
La sorella

Due amiche inseparabili come sorelle. Due strade divise da una terribile tragedia. Un unico misterioso messaggio dal passato.

11 LUGLIO 2017
Conta fino a dieci

Un gioco innocente. Due bambini scoparsi. Una verità zavorrata sul fondo. Dove, forse, potrebbe restare.

Una storia di sconcertante attualità.

4 LUGLIO 2017
La vita in due

Nicholas Sparks torna in libreria con la storia di un padre e di una figlia che ricostruiscono, con tenacia e dolcezza, il loro mondo oltre gli ostacoli del cuore e il dolore.

4 LUGLIO 2017
Paper Princess

Finalmente in Italia la serie appassionante e sexy dedicata alla diciassettenne Ella Harper e ai cinque bellissimi e terribili fratelli Royal.

Uno straordinario successo negli Stati Uniti: bestseller n.1 del New York Times.

Paper Prince

Dopo Paper Princess il secondo volume della serie bestseller n. 1 del New York Times.

Il nuovo fenomeno editoriale dell’anno, in corso di pubblicazione in 20 paesi e nella top 10 dei libri più venduti in Germania.

La maledizione del re

È di sangue reale, ma non può più dirsi nobile.

È la sola sopravvissuta della sua stirpe, e sa di essere in pericolo.

Non è una Tudor, ma diventa la loro più intima alleata.

Perchè conosce il segreto del loro potere.

Bossman

Quante probabilità ci sono che un affascinante sconosciuto, incontrato per caso in un ristorante, diventi il tuo capo? Una su otto milioni.

Il libro maledetto

Una storia di passione e ossessione, tradimento e vendetta: un viaggio da brivido nel cuore oscuro della letteratu

La locanda dove il mare parla piano

Tra Manhattan ghiacciati e riposini pomeridiani, cinque arzilli vecchietti ci insegnano a godere la vita.

A fare la differenza sono le cose semplici, nella vita come in un buon romanzo.

L'undicesimo comandamento

Un romanzo sulle nevrosi da efficienza, successo e connessione. E sul bisogno di lasciarsi alle spalle una vita che imbriglia per abbracciarne una più autentica, riscoprendo il valore della solitudine e del silenzio.

Noi siamo tutto

La dolce e commovente storia di Madeline e Olly, due giovani ragazzi pronti a rischiare tutto per amore.

Un film attesissimo: da settembre al cinema.

Ma liberaci dal male

Un romanzo ambientato in uno dei luoghi più misteriosi di Roma: l’aula gotica all’interno del complesso dei SS. Quattro Coronati, con i suoi affreschi duecenteschi riportati alla luce solo pochi anni fa.

Da domani mi alzo presto

“Dicono che più sei intelligente più sei depresso, perchè il gioco della vita lo sgami subito e le aspettative le riduci a zero. E quindi per quale motivo non posso passare le mie giornate a piangermi addosso maledicendo il mio destino?”

"I libri mi riempivano il cranio e mi allargavano la fronte. Leggerli somigliava a prendere il largo con la barca, il naso era la prua, le righe onde. "(Erri De Luca)